Il “Mi piace” è nato con Facebook, ma presto potrebbe cambiare il modo di esprimere gradimento a commenti, foto e video sulla piattaforma social di Mark Zuckemberg. Dopo l’introduzione delle “faccine” per interpretare stati d’animo potrebbe non essere pi necessario cliccare fisicamente sui post per mostrare apprezzamento, delusione, dispiacere o simpatia.

Il colosso del web ha infatti acquistato una startup (denominata Faciometrics) che ha elaborato negli anni un sistema per la lettura del viso. Gli esperti dell’azienda hanno infatti studiato un sistema in grado di scansionare (tramite fotocamera o webcam) le espressioni del volto per elaborare le sensazioni degli utenti che si trovano davanti allo schermo.

L’acquisizione (e la rimozione dal mercato della applicazione) da parte degli “uomini in blu” del social network lascia intuire lo studio e lo sviluppo di nuove applicazioni del programma, ma questo non significa automaticamente che tale sistema sarà impiegato sul diffusissimo sito di interazione sociale.

Ancor più difficile è immaginare le possibili finalità di tale acquisizione: se l’applicazione potrà esser eusata solo per il sostituire il “Mi piace” o per altri scopi, magari di natura commerciale.