Non basta il freddo che da giorni attanaglia il Paese. L’Italia è praticamente sotto quello che è stato rtibbattezzato dagli esperto del portale Il meteo.it l'”attacco artico”.

Ma, la novità che in pochi conoscono, è che da Nord a Sud si sta verificando un fenomeno poco noto ma estremamente pericoloso che si chiama “gelicidio”, uno dei fenomeni più suggestivi della natura ma anche uno dei più pericolosi.

Si tratta di un fenomeno piuttosto raro e si verifica solo in condizioni di particolari e improvvisi mutamenti sulla colonna termica. Il gelicidio è determinato dalla pioggia lievissima, con gocce d’acqua che rimangono allo stato liquido anche a temperature inferiori allo zero. Quando le gocce sono molto piccole, l’acqua è pura e priva di sali e  la colonna d’aria subisce un repentino raffreddamento, ecco formarsi il gelicidio: una pioggia sopraffusa che gela all’istante nel momento in cui tocca il suolo o un qualsiasi altro oggetto.

Il gelicidio, tipico delle conche o delle aree pianeggianti con frequenti inversioni termiche, è molto pericoloso: il ghiaccio accumulato può provocare la caduta di rami anche di grandi dimensioni, rottura di cavi elettrici o telefonici, causando gravi disservizi, ma soprattutto rende scivoloso il manto stradale, che si trasforma in una lastra di ghiaccio

Dalla nube –  spiega il portale di meterologia Ilmeteo.it – la precipitazione, la perturbazione, parte in forma di neve. Via via che scendono verso il basso, i fiocchi trovano una temperatura superiore allo zero, fino anche ad alcuni gradi superiori allo zero. Viene da sé che i fiocchi si sciolgono e diventano gocce. Cadendo ancora più verso il basso a un certo punto, può trovarsi uno strato d’aria via via più freddo e anche sotto zero.Malgrado tutto, la goccia non solidifica ma è in una condizione estremamente instabile e ha la proprietà di solidificare a contatto con altri oggetti.

La goccia ha ancor più modo di solidificarsi a contatto con il suolo, quando questo, rispetto alla colonna termica superiore, è oltremodo freddo, con temperatura abbondantemente negativa.

Fonte: Today – Ilmeteo.it